il mio domani

Home » Posts tagged 'Treviso'

Tag Archives: Treviso

TE.LE.TRASPORTO

Mi fa piacere qui pubblicare un’intervista con un giovane imprenditore, Andrea Carturan di Treviso, che ha creato un servizio di consegne a domicilio dal titolo perfetto: Te.le.trasporto (www.teletrasporto.tv). Su Il Mio Domani tante parole le spendo io in prima persona, ma dar voce a chi giovanissimo si lancia in nuove e innovative avventure penso possa essere d’ispirazione per tutti.

teletrasporto food delivery

Il Mio DomaniCiao Andrea, piacere di conoscerti, devo dire che Te.le.trasporto l’ho notato subito in alcuni locali e mi ha incuriosito, per il nome che non si dimentica e per la cura con cui hai pensato la comunicazione, lo start up e soprattutto perché nasce da un giovanissimo imprenditore. Aiutami a tracciare il tuo identikit.

Andrea Carturan – Ho 31 anni e sono sposato dal 2012; come studi, ho fatto prima il Liceo Scientifico, poi mi sono laureato in Scienze della Comunicazione Aziendale e ho frequentato un master in Economia, Impresa e International Management.

IMDMi spieghi in dettaglio che cos’è Te.le.trasporto e come ti è venuta in mente questa idea?

AC – Te.le.trasporto è la realizzazione di quello che io, per me stesso in primis, ho da sempre desiderato: avere nella mia città un servizio tipo quello del Te.le.trasporto dei film di fantascienza, che nelle serate di estrema pigrizia, quando non ho la minima voglia di uscire, sia in grado di farmi arrivare direttamente a casa quello che in quel momento desidero mangiare dal ristorante o locale che preferisco. L’idea ovviamente è partita come spesso succede da una banale esperienza personale e mi è continuata a frullare in mente per 4-5 anni anche se solo come gioco. Poi col tempo, per una serie di cambiamenti a livello familiare e lavorativo, ho deciso di investirci davvero, trovando il coraggio di abbandonare un lavoro a stipendio fisso per realizzare quello che secondo me sarebbe stato un progetto molto utile non solo per me, ma anche per molti miei concittadini. Ho tentato di rendere il servizio il più completo possibile, affiancando all’idea di base delle consegne a casa dai ristoranti per cena, un servizio di consegne di pranzi in ufficio, con menù appositamente creati dai ristoranti, un servizio di acquisto prodotti su prenotazione, come la spesa on-line o come l’acquisto di prodotti tipici o di erboristeria, direttamente dal negozio di fiducia di chi ci contatta.

IMDComplimenti, un progetto articolato. E come ti sei organizzato?

AC – Per l’organizzazione mi sono quasi totalmente arrangiato. Ovviamente ne ho parlato con mia moglie quasi ogni sera, visto che continuavano a venirci in mente nuove idee e servizi da poter inserire nel progetto, e con dei cari amici che hanno fatto studi più tecnici di me sia a livello economico che legale e che mi hanno saputo consigliare. Ma non mi sono affidato totalmente a consulenti specializzati, prima di tutto perché non potevo permettermi di pagare ogni consulenza di cui avrei avuto bisogno e in secondo luogo perché volevo essere dentro al progetto al 100%, informandomi da solo di tutto ciò che serviva fare per avviare un’attività del genere.

IMDGiusto, condivido, bisogna documentarsi bene all’inizio e in prima persona.

AC – Per lo stesso motivo non ho ricercato alcun investitore, ho voluto contare solamente sulla mia disponibilità economica e su un aiuto datomi dai miei genitori che provvederò appena possibile a ripagare.

IMDIn quanti siete a lavorarci?

AC – Io come titolare unico e Matteo Lorenzi, un mio amico, che si occupa totalmente della grafica e dell’immagine aziendale di Te.le.trasporto. E poi ci sono dei ragazzi universitari che a rotazione vengono chiamati in base al numero di consegne previste. Ovviamente per tutto il periodo di partenza, fino a che il progetto non girerà autonomamente e si autoripagherà, anche io faccio le consegne ai clienti. Questo mi permette intanto di presentarmi e far capire che dietro a tutto c’è un ragazzo giovane vissuto e cresciuto nella loro stessa città, ma soprattutto ho la possibilità di rendermi conto di quali siano le problematiche che possono sorgere a livello logistico e organizzativo.

BANNER VUOTO

IMDCome si posiziona sul mercato Te.le.trasporto?

AC – Non ci sono al momento altri servizi come il nostro in Veneto, ci sono molti Speedy Pizza e alcuni locali si sono organizzati per le consegne a domicilio. Te.le.trasporto è diverso perché ha creato una rete unica e in continuo sviluppo di attività ristorative e commerciali che permette al cittadino di richiedere all’interno di uno stesso sito qualsiasi cosa di cui abbiano bisogno, quando lo vuole e dove lo vuole, partendo dalla cena a casa in famiglia o con gli amici o dal pranzo salutare in ufficio, fino ad ordinare on-line la spesa e vedersela recapitare a casa. Al momento stiamo anche prendendo contatto con altre persone che vivono in città medio-piccole come Treviso e che sono interessate ad importare lo stesso tipo di servizio per i propri cittadini e commercianti.

IMDQuali esperienze professionali hai avuto prima di questa?

AC – Ho fatto l’export manager e questo mi ha permesso di sfruttare ogni volta che mi trovavo all’estero servizi simili al mio (solo cibo) nelle grandi capitali del mondo e di prendere il meglio da ognuno.

IMDQual è la parte più difficile del tuo lavoro?

AC – La parte più difficile, soprattutto nei primi tempi, è quando si sta a casa e ti accorgi che ci sono periodi in cui nessuno ordina e pensi che magari era solo tutta una tua illusione e nessuno effettivamente desidera poi un servizio del genere.

IMDImmagino, dev’essere dura…, e la parte più soddisfacente?

AC – Vedere che dopo la dovuta comunicazione pubblicitaria, gente completamente sconosciuta sa che esisti e utilizza costantemente i tuoi servizi e ti dice quando vai a consegnare “mi avete cambiato la qualità della vita”. E poi quando ti accorgi che gli ordini continuano ad arrivare e che la gente ne inizia a parlare e questo aumenta ancor di più il numero dei nuovi clienti.

IMDPensando ai lettori del blog, che tipo di collaboratori cercheresti per il tuo lavoro? che figure professionali, età e formazione prediligeresti?

AC – i ragazzi che cerco ora sono persone molto semplici, a modo e soprattutto oneste. E si vede subito chi lo è e chi no. Ho bisogno di potermi fidare perché gestiscono soldi di altri e non posso permettermi di avere persone attorno a me che mi obbligano ogni giorno a controllare che sia tutto a posto. Più avanti avrò bisogno di persone da assumere fisse e credo che quando sarà il momento sceglierò tra i ragazzi che già collaborano con me quelli che dimostrano di sapersi arrangiare nei momenti di difficoltà e che sono sicuro abbiano preso a cuore il lavoro che stanno facendo tanto quanto me.

IMDTi capisco, stai avvalorando la tesi di molti imprenditori e professionisti che invitano i giovani a iniziare a lavorare e dimostrare di essere affidabili prima di cercare solo il posto fisso. Visto che stiamo pensando al futuro, come vedi il tuo domani?

AC – Vorrei che Te.le.trasporto diventasse un modello di servizio da poter portare in diverse città perché è di vantaggio sia per i cittadini che per i commercianti che non possono permettersi di investire su un dipendente e su un mezzo di trasporto solo per le consegne. Te.le.trasporto permette loro di non investire nulla e di ampliare notevolmente le vendite grazie al servizio a domicilio e al bacino di utenti di Te.le.trasporto.

IMDsono d’accordo con te, anzi, avrei già un locale che vorrei segnalarti, so che non ha il servizio a domicilio ma fa una pizza che merita davvero! Intanto ti faccio i complimenti per l’idea e ti auguro il meglio. Buon lavoro Andrea.

per saperne di più…

Andrea Carturan (creatore di Te.le.trasporto)

Andrea Carturan (creatore di Te.le.trasporto)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: