il mio domani

Home » Le domande giuste » PRIMA DI SCEGLIERE L’UNIVERSITA’

PRIMA DI SCEGLIERE L’UNIVERSITA’

Pontificia Università Gregoriana in Roma. Aula...

Un sacco di gente sceglie l’università partendo da che cosa gli piace studiare. O da cosa non gli piace studiare. Insomma, sceglie l’università come si scelgono le superiori. Ma le superiori sono scuola dell’obbligo, come dire…visto che sono obbligato almeno studio quello che mi piace! Scegliere l’università però è diverso, non sei affatto obbligato, anzi!, il principio che dovresti seguire in questa scelta dovrebbe essere cosa mi serve studiare per fare il lavoro che mi interessa?

Partendo da questa domanda (difficile, lo so ) si aprono molti altri quesiti in un gioco a catena, ma fondamentalmente ti devi chiedere 2 cose:

1) che lavoro vuoi fare? (domanda che meriterà molti altri approfondimenti)

2) quale studio è maggiormente richiesto, in Italia, per questo lavoro?

Rispondere alla prima domanda richiede lo sforzo di domandare: a te stesso, a gente del settore, a tutor universitari, a parenti, ad estranei. Domandare per avere informazioni utili in modo da non trovarti a piedi una volta laureato o laureata (non serve forse a questo questo blog????).

Rispondere alla seconda domanda richiede invece guardare in faccia la realtà: potresti scoprire che lo studio che ritenevi così importante per te ha pochissimo valore nel mondo del lavoro, oppure scoprire che la laurea che stavi inseguendo non è quella più richiesta per il mestiere che hai in mente. Magari ne basta una più facile, oppure occorre una specializzazione che non avevi previsto. Insomma, se non chiedi prima di scegliere, rischi di buttare via soldi e fatica. E sogni.

Annunci

3 commenti

  1. bia ha detto:

    magari mi fossi posta queste due domande con criterio, anni fa…! 🙂 purtroppo all’epoca i professori sapevano solo orientarti alla maturità dopo di che, almeno per mia esperienza, vuoto assoluto.

    • paolo vitale ha detto:

      eh lo so, ma sai quanti mi dicono la stessa cosa? Uno dei commenti più frequenti che i professori fanno è “a che serve orientarli al lavoro? Devono studiare”. Ho trovato anche dei prof. e dei presidi che invece hanno capito che la scuola ha successo anche e forse soprattutto se lancia bene i propri ragazzi verso il mondo del lavoro. Purtroppo poche scuole ragionano sul feedback delle proprie scelte. Ancor meno le università! C’è ancora tanto da fare…

      • bia ha detto:

        Già, c’è tanto fare ma come dici tu qualcosa forse si muove. Così in futuro non ci saranno tanti “persi” come me che a 35 anni pensano di rimettersi a studiare cose che probabilmente sono (ed erano) più consone a me!! Voglio dire, io ho scelto filosofia e sono felicissima di questo, ma è stata una scelta “al buio”, non sapevo nemmeno bene quale fosse l’offerta formativa universitaria, c’erano solo volantini e la famosa “guida allo studente”… utile ma tanto arida e soprattutto a senso unico (l’università che spiega i suoi corsi… ma lo studente, dal suo canto, dovrebbe poter “spiegare” se stesso all’università per capire se c’è feeling)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: